E poi è arrivato il ciambellone

Cinque anni più qualche mese fa sono venuta ad abitare in questa casa già ammobiliata alle porte di Roma, quella dalla quale ora sto scrivendo. Oltre ai mobili, c’erano anche un sacco di altre cose ad aspettarmi qui, in questo bilocale soppalcato. Erano tutte elencate in ordine alfabetico in una dettagliatissima lista allegata al contratto d’affitto e sottoscritta in calce da locatore e conduttore. Dal soggiorno con angolo...

Read More

Breve excursus sul concetto di pranzo al sacco

All’uscita del supermercato in cui di solito vado a fare la spesa è appesa una bacheca di annunci. Lì, su quella parete, domande e offerte di lavoro provano ad incontrarsi, proprietari di appartamenti sfitti cercano potenziali inquilini, a volte si vendono o regalano cuccioli di gatti e cani, a volte i gatti e i cani si sono smarriti, si segnalano nuovi corsi di zumba fitness o l’apertura di un altro ristorante cino-giapponese,...

Read More

Fumetti e rosette

Indossa una giacca verde oliva di velluto a coste sottili. A quel verde ha abbinato un marrone tendente al ruggine, il colore dei pantaloni, anch’essi di velluto e dall’aspetto parecchio vissuto, come testimoniano alcune striature biancastre all’altezza delle ginocchia. Ai piedi, dei mocassini in pelle nera completano la mise, lasciando intravedere dei calzini a rombi gialli e grigi. I rombi, l’unico vezzo in un...

Read More

Storia di trentatré polpette senza parmigiano

Fino a qualche anno fa consideravo le polpette un Piatto dell’Esperienza. Chiamasi Piatto dell’Esperienza quella particolare preparazione gastronomica che ritengo essere prerogativa assoluta di soggetti che non sono cuochi di professione, ma che hanno comunque abilità e padronanza della cucina. Quelle persone che, per intenderci, non devono nemmeno pesare gli ingredienti, perché tanto fanno “a occhio”. Io le conosco queste...

Read More

È solo un fake!

Il tonno in scatola ce l’ho. Quello c’è quasi sempre. Le patate, pure. Ne sono rimaste quattro, anzi devo anche sbrigarmi a consumarle prima che germoglino. Poi, la maionese e il limone. Un attimo che guardo in frigo. Di maionese ce n’è in abbondanza, il vasetto è stato aperto da poco. È quella allo yogurt, il gusto è più delicato di quella classica, e a mio parere nella sua “leggerezza” è anche più adatta per...

Read More

La colpa è della zucca

C’è stato un tempo in cui cucinavo per mera necessità. Pranzo e cena erano solo dei momenti in cui provare a realizzare qualcosa di mangiabile. Poi è accaduto un fatto, una sera d’autunno di qualche anno fa. È accaduto che mi è stata regalata una zucca. Una zucca arancione e biologica, simile a quelle che si intagliano per Halloween, ma questa era piccolina e in più era commestibile. Ecco, io non avevo mai cucinato una zucca di...

Read More

Storia di una gerbera che rifiorì a settembre

C’era una volta. Anzi, non proprio una volta, c’era qualche mesa fa. Nello specifico, c’era lo scorso giugno una gerbera. Si trovava all’Ikea, al reparto giardinaggio, su uno scaffale in alluminio. Stava lì, cercando di apparire in tutto il suo splendore di piantina giovane e ben curata, i fiori dai petali di un luminoso rosso scarlatto, le foglie lustrate per l’occasione. Voleva provare ad attirare...

Read More

L’estate in bacheca

L’estate sta finendo. O forse non è mai iniziata davvero del tutto. Quello a cui abbiamo assistito in questo 2014 probabilmente è stato solo un tentativo di stagione estiva. Una via di mezzo tra una primavera inoltrata e una timida estate. La prova inconfutabile che le mezze stagioni ancora esistono. Nel suo essere stata un’estate atipica, un po’ come si fa con quelle bacheche in sughero che si appendono al muro, ho voluto...

Read More

A universal language

Mi fa vedere il biglietto indicando il numero due scritto sopra, accanto alla dicitura “Roma Termini – Spoleto”. Vuole sapere se ha azzeccato il vagone giusto, quello della Second Class. “Yes, it’s ok!” rispondo io, come se tutti i giorni comunicassi in inglese con i miei vicini di posto. In testa un casco di capelli ricci, un po’ castani, un po’ tendenti al grigio tortora, la barba incolta e ai piedi delle...

Read More

Ferragosto in città

È arrivato Ferragosto in città. Non tutti se ne sono accorti, perché è arrivato in punta di piedi e senza creare troppo scompiglio. Se ne sta pacatamente nascosto tra i vicoli, un po’ in disparte, in un angoletto ad osservare cosa succede in questa festa sotto il solleone, un innocuo giorno rosso sul calendario che sta mestamente a ricordare che siamo a metà agosto e che anche questa estate prima o poi finirà. Ferragosto è un...

Read More

Flickr

Slow and quiet mornings Ingannare le attese Glitter on the sunset It's time for pasta salad! Cinemino di periferia Roma - Piazzale Flaminio 

Pubblicità

Twitter

Archivi