Con la testa tra le nuvole…

Vorrei provare a sintetizzare in poche parole quello che mi sta succedendo in questo timido inizio di primavera.
Ne userò quattro: Testa Tra Le Nuvole.

Era da un bel po’ di tempo che non mi sentivo così tanto con la testa tra le nuvole, e tutto sommato non è poi una sensazione così spiacevole.

A parte il fatto che dimentico di tutto. Dimentico ricorrenze. Dimentico appuntamenti. Dimentico cose. Ecco appunto dimentico cose, come ad esempio lagiacca di velluto nero con la quale giovedì scorso mi aggiravo per il tribunale, e che devo per forza aver lasciato da qualche parte. Solo arrivata in studio mi sono accorta di non averla con me. Il giorno seguente ho provato a chiedere in cancelleria, ho cercato nelle varie aule, ho interrogato il barista del caffè del corso, dove al ritorno mi ero fermata per il solito espresso, ma della mia giacca di velluto nero nemmeno l’ombra. Ad ogni modo non è stata tutta questa grande perdita, visto che il nero non mi dona poitanto.

Ho la testa tra le nuvole e per il momento non riesco a trovare un rimedio a questo stato.
Provo entusiasmo per piccole scoperte e finisco col sorridere, ritrovandomi ferma ad osservare pensieri che ora sembrano avere anche loro una forma. E per quanto assurda possa sembrare tutta questa situazione, vi posso garantire che, a dirla tutta, si sta proprio bene con la testa tra le nuvole

2 Comments

  1. Che bello avere la testa tra le nuvole…e LUI come si chiama? 😉

  2. @Antaress
    Nahhh… mi stai andando fuori strada. La “testa tra le nuvole” è soltanto… come dire… una sensazione generale… il fatto è che dopo un periodo un po’ buio sto iniziando a vedere alcune situazioni con più leggerezza e la cosa mi fa stare decisamente meglio… tutto qui.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

Archivi